Questo nuovo volume della collana del Devolution Club è stato realizzato in memoria di Francesco de Franchis, eminente studioso e didatta della common law, autore di un imponente doppio dizionario commentato di termini giuridici, ormai diventato un classico per il giurista italiano che intenda accedere a una primaria fonte di comprensione del diritto di matrice inglese.
Se per common law si intende un sistema giuridico di origine eminentemente giurisprudenziale, di natura procedurale e privo di codici – affermatosi nel corso di un’evoluzione plurisecolare attraverso l’incessante avvicendarsi di contributi di numerosi giuristi attivi nelle sedi culturali e istituzionali dominanti, o di gruppi sociali coinvolti nella riflessione sulla giuridicità delle garanzie fondamentali – una raccolta di saggi che dia evidenza alla concretezza culturale degli apporti di questi protagonisti storici può aiutare il lettore a ricostruire le tappe di sviluppo e a scoprire le logiche interiori di tale sistema.

Partendo dall’epoca normanno-plantageneta fino all’azione dei giudici britannici che oggi operano nelle Corti dell’Unione europea, il volume si articola in una sequenza di saggi monografici che analizzano alcune tra le elaborazioni di elementi costruttivi della common law che in diverse stagioni, in diretta connessione con l’avvicendarsi di ben caratterizzate forme di organizzazione del potere costituzionale in un ordinamento tipicamente flessibile ed evolutivo, sono state prodotte da quei “signori del diritto” individuali o collettivi che nel quadro della cultura inglese si sono
maggiormente distinti quali influenti interpreti delle congiunture politiche e sociali del loro tempo.

Alessandro Torre
è Professore ordinario di Diritto Costituzionale nel Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Bari “Aldo Moro” e Presidente del Devolution Club.